Passa ai contenuti principali

Vasco Modena Park

Qualche semplice considerazione su Modena Park, mi si perdoni se la faccio due mesi dopo, ma purtroppo sono stato molto impegnato ultimamente. Contro di riprendere a lavorare al blog a breve. Ovviamente le mie considerazioni non saranno musicali (ne sono già state fatte milioni in milioni di blog), ma su qualche frase del Vasco!

Benvenuti al concerto non avrà mai fine.

Il rocker di Zocca ha sempre fatto leva sul fatto che "questa sarà l'ultima tournee". Ricordo che una volta nel 2003 ero fuori San Siro senza biglietto e c'era gente disperata, che urlava "fateci entrare!!! Questo sarà l'ultimo concerto del Vasco". Questa volta no! Alla domanda se questo fosse stato il suo ultimo concerto, lui ha risposto che questo sarebbe stato un nuovo inizio. Poi ha esordito dicendo: "benvenuti al concerto che non avrà mai fine".
Ora, se il mio intuito non si sbaglia, questo è stato davvero l'ultimo concerto del grande cantautore!!! Un nuovo inizio, un concerto che non avrà mai fine e, di conseguenza, non ci sarà un nuovo concerto. Ho visto Vasco 5 volte, ma spero comunque di essere smentito.

L'amore vince la paura.

Personaggi e menagrami vari avevano previsto, e sembra quasi auspicato, incidenti apocalittici per l'occasione. 230 mila "tossici" sarebbero stati una bella preda per buontemponi stile torino, terroristi o quant'altro. L'invito era di restare a casa. E invece ci sono state 230 mila persone e tutto è andato bene! Le 230 mila persone hanno lasciato da parte la propria paura per amore della musica e della vita!

Con la faccia di Giovanardi

Con la faccia di Giovanardi, toccandosi il fondo schiena, è un messaggio abbastanza chiaro. Tra lui e il politico c'erano già stati diversi scambi di opinioni. In una recente intervista Giovanardi disse:
Ma quale battuta, sono serissimo. Sapete cosa vogliono dire 220mila persone in un avvenimento di questo tipo sia dal punto di vista del consumo di alcol che da quello del consumo di droga? Bisogna evitare che gli spacciatori di tutta Italia convergano a Modena, fare opera di intelligence. Si spera che quelle 220mila persone vadano lì per ascoltare la musica e non per fare altre cose. Andate a vedere cosa succede in questi raduni, quante persone vengono fermate e arrestate per lo spaccio di droga. E’ una roba impressionante. E’ meglio prevenire per evitare problemi molto seri
Quel "con la faccia di Giovanardi" è stata la risposta del Vasco, anche per rispetto a quelle centinaia di migliaia di persone che non si riconoscevano nella descrizione fatta dal politico

Commenti

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

My way - traduzione e significato testo

Non ho specificato My way - Frank Sinatra poichè il testo è stato scritto da Paul Anka sulle note di "Comme d'habitude" di Claude Francois. Però il cantante canadese non si è limitato a tradurre il brano, ma lo ha riscritto da capo. Il testo di Paul Anka è quello che canteranno Elvis Presley, Mirelle Mathieu, Nina Hagen, Michael Buble, Sid Vicius e, naturlamente, The Voice. Noi faremo riferimento a questa versione.

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Questa è una delle mie preferite. La musica è del grande cantautore, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani il grandissimo Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Lo voglio sottolineare perchè troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione di essere soli ed incompresi. Massimo riva in questo brano ha posto l'accento sul proprio malessere, sul male di vivere in una società che non condivideva i suoi valori. Di provare, letteralmente, il vomito nel vedere come molti dei ribelli degli anni 70 si sia perfettamente integrati in questo modello di potere. La sua morte/suicidio è stato come u…