Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2014

Gelato al cioccolato - Pupo

Pupo non lo sapeva? Di sicuro non c'è bisogno di fare la parafrasi di questo testo, ma di spiegare cosa sia il gelato al cioccolato si! Si tratta certamente di uno dei più grandi bidoni rifilati ad un cantante nella storia della musica. La vittima è il cantante Pupo e, visto lo spessore culturale del personaggio, la cosa non mi sorprende. Pupo sostiene di aver cantato per anni questa canzone convinto si trattasse di una canzonetta d'amore, immaginate la sua faccia quando l'autore del testo, Cristiano Malgioglio, ha confidato ai media che il gelato al cioccolato non è il cono che prendi in gelateria, ma l'attributo di un ragazzo tunisino con cui ha avuto un'avventura estiva. Eccolo il gelato al cioccolato, dolce e un po' salato... In questo negli anni '70 erano davvero dei geni. Ricordano grandi pittori rinascimentali, come Lorenzo Lotto e El Greco, che riuscivano a rifilare alla chiesa opere ricche di simboli satanici da fare invidia alla sede di una loggi…

C'è chi dice no - Vasco Rossi

Primo estratto dal omonimo album del 1987, C'è chi dice no è una canzone speciale, pietra miliare del Blasco e della musica italiana in generale. E' come se il cantautore di Zocca con questa canzone abbia preso piena coscienza di se, della sua musica e della sua persona. Se mi permettete una frase dai toni un po' epici, dopo questa canzone niente è stato più uguale, ne per il Vasco, ne per il panorama musicale italiano.  Fino ad allora i suoi testi erano un calderone ricco di riflessioni, emozioni e poesie. Non dico disordinate, ma che ancora non avevano portato ad un pensiero organico. Era contro tutti e tutti, ma anche contro niente. Era contro il sistema, ma anche chi era contro. Ma poi non era nemmeno tanto contro... Amava le donne, ma le odiava pure... Alla fine l'autore capisce contro che cosa stava sbattendo la testa da sempre, e matura una canzone dal titolo "C'è chi dice no", no a cosa? No a quelle cose che il sistema gli vuole imporre da sempre…

God save the queen - Sex Pistols

Good save the queen, l'urlo contro il sistema! Presentarsi con un album con questo titolo è indubbiamente una scelta audace, persino in un paese libertario come l'Inghilterra. E la reazione delle istitutzioni non si fece attendere: quando il gruppo la suonò da una barca sul Tamigi, in occasione del giubileo d'argento della regina, vennero tutti arrestati. La polizia non ci andò per il sottile, e, assieme a loro, portarono dietro le sbarre anche il produttore Michael McLaren e parecchie persone presenti. Certo è che, ancora una volta, i Sex Pistols sono riusciti ad abbattere un muro, e lo hanno fatto con il loro stile, semplice e diretto! "Dio salvi la regina - God Save the Queen" è l'inno nazionale inglese, il loro inno di Mameli tanto per capirci! Ed è anche un inno che, meglio di qualunque altro, resta legato ad un passato assurdo, fatto di superstizione, monarchia, bigottismo e servilismo. Quale miglior bersaglio per un gruppo che voleva demolire tutto l&…

A sky full of stars - ColdPlay

Coldplay: sei semplicemente meravigliosa come un cielo stellato. Un cielo pieno di stelle, quale miglior frase per descrivere una donna di cui si è innamorati? Un cielo pieno di stelle non è solo la sintesi della bellezza assoluta, ma rappresenta anche un universo, una raccolta di meraviglie. Non vuol dire solo: sei bella! Vuol dire: possiedi un sacco di cose belle, e, come è impossibile contare tutte le stelle del cielo, per me è impossibile scoprire tutte le meraviglie che ci sono dentro di te.