Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2013

Sanremo 2014 - Formula del festival

Eccovi la formula del prossimo festival di Sanremo.

Ci saranno 14 campioni in gara, ogni campione presenterà 2 canzoniTra le nuove proposte ci saranno 8 artisti (aboliranno prima o poi questa cosa inutile delle nuove proposte?)inizio martedì 18 febbraio e fine sabato 22 febbraioselezioni e vincitore:martedì e mercoledì i campione (7 per serata) canteranno le loro due canzoni, poi il voto del pubblico e quello della giuria dei giornalisti decideranno con quale canzone parteciperanno alla fase finalegiovedì canteranno la canzone scelta e inizierà la classificavenerdì canteranno un classico della musica italiana, anche con l'appoggio di cantanti esterni, e vale per il premio Tencosabato serata finale con proclama del vincitore. Il vincitore verrà decretato tramite voto combinato di: giuria popolaregiuria di giornalistigiuria di esperti

Sanremo 2014 - chi presenta il festival?

Nessun colpo di scena, a presentare il prossimo festival della canzone leggera italiana sarà Fabio Fazio. Della serie: cavallo vincente non si cambia. Accanto a Fabio Fazio, naturalmente, Luciana Littizzetto. Anche questa una scelta sicuramente azzeccata, anche se mi sarebbe piaciuto vedere un po' di rischio. Intendo dire che tutti conosciamo la Luciano e sappiamo cosa aspettarci, ma a Sanremo si dovrebbe anche osare un po', e che ne so? magari provare con qualche astro nascente come Natalino Balasso.  Dicevo doppiamente azzeccata perchè il grande Fazio, oltre alla indubbia professionalità e simpatia, unisce una spiccata capacità a sedare le polemiche. Ne ha data una grande prova di stile con (o sarebbe meglio scrivere contro) Brunetta nell'intervista a che tempo che fa, dove è riuscito a domare il politico che cercava la rissa a tutti i costi, senza mai alzare la voce e farsi travolgere dal turbine.  Resta l'incognita degli ospiti. Si è molto discusso di Jovanotti, c…

Festival di Sanremo 2014

Cos'è Sanremo? Arrivano i primi freddi e si comincia a parlare di Sanremo. La curiosità per il festival della canzone leggera italiana non può lasciare indifferenti nemmeno noi. Intanto parliamo del titolo dell'evento: cosa significa musica "leggera"? Significa semplicemente "non impegnata". Questo sarebbe giusto tenerlo bene a mente, visto che spesso le polemiche riferite al festival poggiano sul fatto che manchino spesso all'appello autori di spessore, che lasciano il posto a canzonette. Ebbene, questo è, ed è nato per essere, il festival della canzonetta. Chi non fosse d'accordo rivolga l'attenzione ad un altro festival (sarebbe come lamentare che a San Scemo mancassero testi su tematiche importanti).

A quale concerto andare?

Partono le turnee invernali. Normalmente i grandi nomi preferiscono l'estate, in modo da poter riempire gli stadi. Ciò nonostante questa stagione autunnale è ricca di eventi ai quali vale la pena partecipare.
Personalmente, i concerti ai quali intendo partecipare sono :
Renato Zero Un evergreen, per le persone a cui piace questo artista. Renato Zero o lo ami o lo odi, quindi inutile aprire un dibattito se valga il prezzo del biglietto oppure no. Se siete dei "sorcini" sapete che ogni suo concerto è un evento unico, reso tale non solo dalle grandi capacità comunicative dell'artista, ma anche dalle meravigliose coreografie, accompagnate da straordinari ballerini. Degna di essere menzionata qui la turnee con Carla Fracci e i Momix.

Jake La Furia - Inno Nazionale

L'ex cantante dei Club Dogo inizia la sua carriera da solista con l'album "Musica Commerciale", del quale questo inno nazionale è il secondo estratto. Curiosa la scelta di non pubblicare il video sui canali canonici, come YouTube, visto i temi forti ed i problemi di censura. Naturalmente, un cantante attaccato al borsellino come lui, non rinuncerebbe mai ad una simile vetrina, infatti il video lo trovate tranquillamente con una semplice ricerca. Probabilmente si è trattato di una maniera di attirare i curiosi che muoiono dalla voglia di vedere qualcosa di censurato o censurabile (i furbacchioni che lo sanno ormai ti mettono il video di una bambina che mangia il gelato col sottotitolo "censurato da tutte le TV italiane"). Ma passiamo al brano: appare come un RAP che ricorda il west side  per suoni e ritmi, mentre si rifà all'east coast per quanto riguarda i testi fortemente politicizzati e polemici.