Passa ai contenuti principali

My way - traduzione e significato testo

my way frank sinatra sid vicious paul anka elvis presley
Non ho specificato My way - Frank Sinatra poichè il testo è stato scritto da Paul Anka sulle note di "Comme d'habitude" di Claude Francois. Però il cantante canadese non si è limitato a tradurre il brano, ma lo ha riscritto da capo. Il testo di Paul Anka è quello che canteranno Elvis Presley, Mirelle Mathieu, Nina Hagen, Michael Buble, Sid Vicius e, naturlamente, The Voice. Noi faremo riferimento a questa versione.
And now, the end is near;
And so I face the final curtain.
My friend, I'll say it clear,
I'll state my case, of which I'm certain.
I've lived a life that's full.
I've traveled each and ev'ry highway;
But more, much more than this,
I did it my way.
 Che tradotto letteralmente significa:
E ora la fine è vicina
E quindi affronto l'ultimo sipario
Amico mio, lo dirò chiaramente
Ti dico qual è la mia situazione, rispetto alla quale non ho dubbi

Ho vissuto una vita piena
Ho viaggiato su tutte le strade
Ma più. Molto più di questo
L'ho fatto alla mia maniera
Semplice dedurre che si tratta di un'anziano che si trova ad affrontare la morte. Soprattutto una persona che ha avuto una vita travagliata e spesso incompresa, con un ricco bagaglio di esperienze e che chiede la comprensione di chi lo ascolta. Una vita estrema forse, ma una vita nella quale tutte le decisioni sono state prese in modo consapevole.
Regrets, I've had a few;
But then again, too few to mention.
I did what I had to do
And saw it through without exemption.
I planned each charted course;
Each careful step along the byway,
But more, much more than this,
I did it my way.
Che sta per:
Rimpianti, ne ho avuti qualcuno
Ma troppo pochi per citarli
Ho fatto quello che dovevo fare
Ho visto tutto senza risparmiarmi nulla

Ho programmato ogni percorso
Ogni passo attento lungo la strada
Ma più, molto più di questo
L'ho fatto alla mia maniera
Forse banale nel 2012, ma originale in quegli anni. Un quasi supermen, che ha vissuto la vita al massimo, che ha fatto tutte le scelte con decisione, che ha succhiato il midollo della vita, ammette di avere fatto degli errori e di avere dei rimpianti. Come dire: se sbagli è normale, sbaglio pure io, ma alla fine i successi hanno ricompensato ampiamente le delusioni. Molto raffinato quando dice: "ho fatto quello che dovevo". Molte scelte non vengono condivise, altre addirittura possono fare del male alle persone che ci sono vicine. Ecco, anche questo significa essere uomo: saper prendere anche le decisioni difficili.
Yes, there were times, I'm sure you knew
When I bit off more than I could chew.
But through it all, when there was doubt,
I ate it up and spat it out.
I faced it all and I stood tall;
And did it my way.
I've loved, I've laughed and cried.
I've had my fill my share of losing.
And now, as tears subside,
I find it all so amusing.
To think I did all that;
And may I say not in a shy way,
"No, oh no not me,
I did it my way".
Ovvero:
Sì, ci sono state volte, sono sicuro lo hai saputo
Ho fatto il passo più lungo della gamba (Ho preso un morso troppo grosso)
Ma attraverso tutto questo, quando c'era un dubbio
Ho mangiato e poi sputato
Ho affrontato tutto e sono rimasto in piedi
L'ho fatto alla mia maniera

Ho amato, ho riso e pianto
Ho avuto le mie soddisfazioni, la mia dose di sconfitte
E allora, mentre le lacrime si fermano,
Trovo tutto molto divertente

A pensare che ho fatto tutto questo;
E se posso dirlo - non sotto tono
"No, oh non io
L'ho fatto alla mia maniera"
Innanzitutto attenti che "ho ingoiato più di quello che potessi masticare" non significa, come sembrerebbe, "ho dovuto sopportare più di quanto fossi capace", ma "ho fatto il passo più lungo della gamba". Ci fanno notare nei commenti che sarebbe più corretto dire: "ho preso un morso troppo grosso". Ho modificato anche nella traduzione. Si tratta di un false friend. Ma sono rimasto in piedi e ho continuato a seguire il mio cammino. Tutto quello che mi è arrivato, riso, pianto amore, vittorie e sconfitte le ho accolte con piacere, perché fanno parte del cammino della vita. E sono orgoglioso di poter dire ad alta voce che tutto questo lo ho scelto io. Indipendentemente dai nostri modelli e dalle nostre scelte, per tutti arriva il giorno in cui si soffre e il giorno in cui si è felici. Questo è normale e questo è un destino dal quale non possiamo scappare. L'importante è che tutto questo sia frutto delle nostre scelte, del nostro cammino, e non del nostro essere trasportati dalla corrente.
For what is a man, what has he got?
If not himself, then he has naught.
To say the things he truly feels;
And not the words of one who kneels.
The record shows I took the blows
And did it my way!
Che tradotto:
Cos'è un uomo, che cos'ha?
Se non se stesso , allora non ha niente
Per dire le cose che davvero sente
E non le parole di uno che si inginocchia
La storia mostra che le ho prese
E l'ho fatto alla mia maniera
In fondo un uomo cos'è? Solo se stesso e nulla più. Ecco allora che conta di più poter vivere la propria vita coraggiosamente, fare delle scelte e portarle fino in fondo, piuttosto che essere accomodanti con la società e accontentarsi di quello che ci offre, che alla fine è niente lo stesso.

Non so perché ma questa canzone mi ricorda l'introduzione delle memorie di Casanova. Non ricordo il testo esatto, ma diceva qualcosa come: "muoio solo e in miseria. Se avessi fatto scelte diverse nel mio passato adesso sarei ricco e circondato da persone potenti, ma, probabilmente, la mia storia non meriterebbe di essere scritta.".

Ecco, forse questa frase del grande poeta veneziano spiega meglio di ogni altra il senso di questo capolavoro della musica moderna.


Commenti

  1. Secondo me è una canzone sulla solitudine. Parla di tutte quelle persone che hanno scelto di vivere la loro vita e quindi si sono ritrovati senza amici.

    RispondiElimina
  2. La penso anche io così! Della serie, hai voluto fare di testa tua? Bene prenditi i frutti di ciò che hai seminato: la Solitudine!
    Nella vita bisogna sempre trovare la giusta misura per tutto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non avete capito un cazzo dell'intensa vita di quell'uomo.....vivere e' osare decidere schierarsi.....non impoltronirsi..

      Elimina
    2. hai ragione

      Elimina
  3. Significa esattamente questo, solo che l'autore ci da un taglio positivo. Cioè, sono solo perchè ho voluto fare sempre di testa mia, ma sono disposto a sopportare questa solitudine, perchè in cambio nella vita ho ottenuto tutto ciò che desideravo. Potrebbe essere anche un mentire a se stesso comunque...

    RispondiElimina
  4. Secondo me nn é vero . Lui ammette di essere solo , ma solo xche lo ha voluto e basta. Secondo me piu é grande la personalità di una persona piu é difficile che si possa concedere a qualcuno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti. È solo come conseguenza delle sue scelte. Ma nessuno dice che abbia rimpianti in questo senso. Anzi!

      Elimina
  5. certo che in un mondo di persone piatte ,chi.si erge, paga un po' questa diversità...ma è una vita che merita di essere vissuta..comunque

    RispondiElimina
  6. non si commenta una confessione di un grande artista, ma si assapora la sua grandiosità, sincerità e professionalità. penso che la sua vita suscita solo invidia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un uomo che ha portato avanti le sue idée rifiutando compromessi e ha vissuto la vita a modo suo.

      Elimina
  7. hahahah hah hahahhaha majatafffffncul ahhah aha h a ha hahaha avuije e sti strunzamericane h ahh ah ah a

    RispondiElimina
  8. Massimo - Quante persone potrebbero raccontare della propria vita in modo similare? Purtroppo, tanta gente spesso scende a compromessi per il quieto vivere, senza pensare di perdere qualcosa, a volte per sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo stia qui il senso. La solitudine dignitosa e orgogliosa di chi non si è mai lasciato corrompere

      Elimina
    2. Complimenti per trascrizione esatta e traduzione accurata, con una piccola inesattezza (che infatti ha richiesto una successiva precisazione) : il verso "...I bit off more then I could chew" NON significa "ho ingoiato più di quanto io potessi masticare" (to bite significa MORDERE, non ingoiare ; e poi, di solito si mastica PRIMA di ingoiare), bensì "ho preso un morso troppo grosso", oppure, come giustamente detto nella traduzione, "ho fatto il passo più lungo della gamba". Ed infatti, nei due versi successivi, si precisa : "Quando c' era un dubbio, l' ho INGHIOTTITO (sottinteso : il boccone scomodo) oppure l' ho sputato via". Insomma : "ho agito scegliendo ciò che ritenevo meglio, secondo il mio parere, A MODO MIO". Da notare in questo caso l' uso della congiunzione "and" in senso avversativo.
      Perdonate la mia pedanteria. Per tutto il resto rinnovo complimenti a ringraziamenti.
      Flintstone

      Elimina
    3. "To bite off more than someone can chew" è un modo di dire, intraducibile in modo letterale, in quanto non esiste un corrispettivo letterale italiano. Giusto tradurlo con un espressione proverbiale italiana dello stesso significato (tipo appunto "fare il passo più lungo della gamba"). Non condivido la traduzione "ho preso un morso troppo grosso" (semmai "ho dato un morso...") anche perchè il senso si perde. Meglio sarebbe tradurre con "Ho dato un morso ad un boccone più grande di quello che la mia bocca poteva masticare" ma a quel punto si perde totalmente il senso proverbiale. Complimenti comunque per l'accurata traduzione.

      Elimina
  9. A me questa canzone fa piangere, è l'unuca che mi fa questo effetto

    RispondiElimina
  10. Tutti sottolineano in senso di solitudine, per me questa bellissima canzone è solo un addio alla vita e un ripercorrere le esperienze, le gioie, i dolori che ognuno di noi ha con la fierezza di aver fatto tutto "a modo mio" e quindi di avere pochi rimpianti.
    Avere la forza di fare "a modo mio" non è da tutti perché i condizionamenti sono tanti e pochissimi riescono a scrollarseli di dosso.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Questa è una delle mie preferite. La musica è del grande cantautore, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani il grandissimo Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Lo voglio sottolineare perchè troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione di essere soli ed incompresi. Massimo riva in questo brano ha posto l'accento sul proprio malessere, sul male di vivere in una società che non condivideva i suoi valori. Di provare, letteralmente, il vomito nel vedere come molti dei ribelli degli anni 70 si sia perfettamente integrati in questo modello di potere. La sua morte/suicidio è stato come u…